Contattaci per una visita - 331.9729989 - 339.4571123Richiedi informazioni

Antica stazione di posta

La Giaconera un’antica stazione di Posta, cambio cavalli e Locanda al servizio della Strada di Francia, se ne ha notizia fin dal XII secolo. Vi soggiornarono personaggi illustri a partire da Napoleone I fino a Napoleone III; vi soggiornò più volte, nel periodo prebellico, il Re di Maggio Umberto II con la sua consorte.

In tempi recenti, a partire dagli anni ‘50 venne esclusivamente utilizzata come ristorante e la notorietà fu tale che Mario Soldati la citò in “Viaggio nella Valle del Po”.

La Giaconera è in continua evoluzione, al passo con i tempi ma mantenendo il suo sapore antico, da ristorante si trasforma in Location Eventi.

 

Oggi, completamente rinnovata, diventa la Location perfetta per il Vostro Giorno Speciale.

Mille e mille anni or sono un’immensa palude occupava quella zona a tutti nota come la Comba di Susa. Paradiso di rane, rospi e zanzare era segnata in tutta la sua lunghezza dall’argenteo corso del torrente Dora.
Oltre la palude correla l’antica strada di Francia al di là della quale la vita umana si svolgeva in povere capanne addossate ai piedi delle montagne.

lagiaconera-storia-2

Tra le località di San Giorio e Chiusa si ergeva una piccola collina sulla cui sommita un grande e robusto edificio offriva ospitale alloggio ai viandanti in transito.
Protetti dalle insidie della notte trovavano qui un sicuro rifugio ed un tranquillo riposo.
Al calar del sole il torrione illuminato dava sollievo e sicurezza a chi vi si dirigeva.
Il prestigio della grande casa si era sparso in tutto il mondo, da Roma alla Francia, alle basse Fiandre ed ancor più in là.

lagiaconera-storia

Chi vi era stato di persona raccontava del profondo pozzo costruito nel centro della cucina e delle suggestive leggende che ne accompagnavano la storia.
La sua profondità era tale che il tonfo provocato dal secchio cadendo nell’acqua creava un’effetto eco così rumoroso da intimorire gli astanti.

lagiaconera-storia-3

Nessuno del resto poteva scordare la storia della bella principessa che da cent’anni ormai dormiva nei più remoti meandri del pozzo e che il tonfo fosse procurato dai battimani degli spiriti, rallegrati dal suo risveglio.
Di bocca in bocca, di paese in paese, riecheggiava la fama di quell’imponente edificio che tutti i viandanti, quasi per unanime sentire, avevano chiamato: “Giaconera”, ovvero “Casa Nostra”.

lagiaconera-storia-5

Col trascorrere lento del tempo le paludi si sono poco a poco ritirate ed anche la collina si è gradatamente livellata… ma la “Giaconera”, testimonianza del nostro indimenticabile passato, è ancora oggi la “Casa Nostra”, un fresco mazzolino di fiori germogliato sul ciglio dell’antica strada di Francia,
un sorriso invitante e cordiale per i viandanti dei giorni nostri.

lagiaconera-storia-4